Commento al Vangelo

Domenica 17 novembre 2019

DOMENICA 24 NOVEMBRE 2019

COMMENTO AL VANGELO DI LUCA 22,35-43

La festa di Cristo Re che conclude l’anno liturgico, ci pone dinanzi al Mistero della sofferenza di Cristo affisso sulla croce, che diventa paradossalmente il Trono della regalità e del servizio. Ci viene presentata una regalità totalmente differente da quella umana, segnata dalla corsa al potere e al prestigio.

E mentre Gesù si trova in croce, accanto a Lui si trovano due ladroni, anch’essi crocifissi, di cui uno si associa a quanti deridevano Gesù e l’altro manifesta la sua fede e chiede di partecipare al Regno di Dio, ricevendo la garanzia dell’eternità vissuta in Dio. Questa festa mentre chiude un anno, ci prepara a vivere un nuovo inizio nella consapevolezza della nostra fragilità, nell’invito ad abbandonare il male e l’indifferenza che spesso guida tante nostre scelte ed azioni, e lasciare che Cristo regni in noi e ponga dentro di noi il Suo trono. Ancora una volta ci vien data l’opportunità di comprendere chi sia Gesù: Il Signore della vita che non è venuto a salvare se stesso ma tutta l’umanità, attraverso la donazione della vita. Lo sguardo sul Cristo crocifisso diventa per ogni uomo e donna di fede la chiave interpretativa per comprendere il mistero della vita e della morte, del nostro vivere e del nostro morire, per orientare all’eternità ogni pensiero, azione e scelta. Cristo diventa la “chiave” del Paradiso e ci permette di prepararci all’eternità. La scritta di derisione posta sulla croce di Gesù, reca un messaggio che a noi, invece, dice la regalità di Cristo, e ci invita a fissare lo sguardo e posare il cuore sulla verità e certezza che Cristo, nostro maestro e Signore, ci ha amati sino alla fine. Desideriamo anche noi, leggere e meditare quella scritta che rivela il senso di ogni umana “Crocifissione” di povertà, sofferenza, sfruttamento, ingiustizia. Chiediamoci quale sia il nostro atteggiamento di fronte alla sofferenza umana: sto a guardare e magari anch’io derido oppure mi metto all’opera e decido di servire i fratelli “inchiodati” alle loro sofferenze?

La liturgia di oggi ci pone dinanzi al paradosso della nostra fede cristiana: guardando al Signore “sconfitto” sulla croce, scopriamo il Dio Salvatore e vittorioso: ha vissuto ciò che ha proclamato, ossia che bisogna perdere la propria vita per salvarla, rinunciando a se stessi e ponendosi al servizio degli altri.

Fr. Giuseppe Piga

Caritas Turritana

caritasturritana@libero.it

caritasturritana@pec.libero.it

L.go Seminario 1/A
07100 Sassari (SS)
Tel. (+39) 079 2021857

Progetti


 
 
 
 
  Seguici sui Social:
 

InfoCaritasTurritana

Mese di ottobre 2019

[...]


Siria

Appello Caritas per stop ad operazioni belliche

[...]


Libertà

18 novembre 2019

[...]


Commento al Vangelo

Domenica 17 novembre 2019

[...]



 

Galleria Fotografica

Web developped: DataSymposium Srl - 2009